Voci_Che_Chiamano_Life-595x397Giuradei, le Iotatòla, Filippo Gatti, Roberto Angelini e due ospiti speciali come Paola Turci e Niccolò Fabi. Sono i grandi nomi della musica italiana protagonisti della VI edizione di Voci che Chiamano, il Festival in favore di Save the Children che si svolgerà il 7 e l’8 dicembre presso lo storico teatro Flavio Vespasiano di Rieti.

Voci che Chiamano, però, non è solo musica. La due giorni reatina, infatti, vedrà anche una serie di eventi collaterali come la mostra Quando non c’erano i video. Suoni e mode a 45 giri degli anni ‘60/’70, che sarà allestita in due punti del centro cittadino, la presentazione del libro di Stefano Piccirillo (Radio Kiss Kiss) Dalle 8:00 alle 8:00, con tanto di aperitivo e dj set, e il tradizionale after-show dove, a partire dalla mezzanotte il pubblico potrà incontrare, al wine-bar Il Sipario (che si trova proprio di fronte al teatro), gli artisti che si sono appena esibiti.

Voci che Chiamano, rinnova anche quest’anno il suo impegno in favore di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che tutela e promuove i diritti dell’infanzia.

“Dal 2007 – fanno sapere gli organizzatori – sono stati oltre 200 i musicisti che hanno calcato il palco di Voci Che Chiamano. In 5 anni la città di Rieti ha generosamente sostenuto la Onlus con una somma complessiva superiore a quella investita per l’organizzazione dell’intera manifestazione. Il nostro aiuto ha permesso a Save the Children, attraverso i loro dialogatori presenti all’evento, la sottoscrizione di decine di sostegni regolari ai progetti per l’infanzia che ha attivi in tutto il mondo”.

Lo spettacolo:

Il 7 dicembre: Giuradei, le Iotatòla, Paola Turci.

L’8 dicembre: Filippo Gatti, Roberto Angelini e Niccolò Fabi.

Quest’ultimo porterà il suo contributo al festival con una partecipazione eccezionale, in acustico, che si inserisce in un momento molto importante della sua carriera artistica. Il 9 ottobre, infatti, è stato pubblicato il nuovo disco Ecco, il cui tour teatrale inizierà a Gennaio 2013.

Momento intenso anche per Paola Turci dopo il successo del suo cd Le storie degli Altri, il terzo e ultimo capitolo di un’importante trilogia cantautorale: dopo Attraversami il Cuore (2009) sul tema dell’amore, cui è seguito Giorni Di Rose (2010) dedicato alla sfera femminile e al “mondo che vorrei”, uno sguardo sociale sul mondo come è e come l’artista vorrebbe che fosse.

Oltre ai due testimonial, si alterneranno sul palco musicisti e band di grande spessore: dalle siciliane Iotatòla, una delle realtà più interessanti della musica d’autore italiana, vincitrici di Musicultura 2010, a Giuradei, il progetto musicale dei fratelli Ettore e Marco, vincitori del Premio Nuova Canzone d’Autore al Mei di Faenza e finalisti al Premio Fuori dal Mucchio e al Premio De André, ospiti al Premio Tenco e al Premio Ciampi; passando per Filippo Gatti, esponente di punta del rock d’autore italiano, ex leader degli Elettrojoyce, per arrivare a Roberto Angelini, cantautore e poliedrico polistrumentista, che da gennaio aprirà i concerti del prossimo tour di Niccolò Fabi con brani tratti dal suo ultimo lavoro discografico Phineas Gage.

Le serate saranno condotte dalla madrina e dal padrino del Festival: Lavinia Biagi, attrice di teatro, cinema e tv e Claudio Guerrini, conduttore radio-tv.

Tra le novità di questa edizione, la nuova formula  Attenti!… all’Ascolto! Oltre al classico live, un vero spettacolo che, con leggerezza,  accompagnerà lo spettatore in un viaggio tra il passato ed il presente della musica d’autore. Lo scopo è quello di  far rinascere, soprattutto nelle nuove generazioni, quella capacità di recepire il messaggio che c’è dietro alle parole e al vestito musicale che si dà loro.

I protagonisti? Lavinia Biagi e Claudio Guerrini ovviamente, che attraverso sketch, domande, interviste e video, condurranno il pubblico alla conoscenza dei cantautori che calcheranno il palco del Flavio Vespasiano, coinvolgendolo in un percorso alla scoperta della loro musica.

Autori dello spettacolo: Valentina Tremadio e Lorenzo Garofalo.

L’ingresso a Teatro, nelle due serate del Festival, è gratuito ed è consentito a partire dalle 20.30 fino ad esaurimento posti.