Il Premio Buscaglione, di cui CW è web partner, giunto quest’anno alla sua seconda edizione, non vuole essere solo un momento di vetrina per la musica d’autore italiana, ma instaurare collaborazioni con festival e musicisti che diventino stabili e continuative anche al di la del cornice del festival. 

I postumi di Fred, rassegna dedicata agli iscritti del Premio già dalla prima edizione, è un occasione per proporre live di artisti che sono stati iscritti al concorso. Per questa rassegna sono stati selezionati quegli artisti che, fra il totale degli iscritti, hanno ricevuto una menzione speciale da parte della giuria ma non si sono aggiudicati la selezione per le semifinali. In collaborazione con le Officine Corsare (Torino) che ospiteranno questi live, eccovi il calendario:

www.facebook.com/sottoilcielodifred
http://www.outsidersmusica.it/recensione/sotto-il-cielo-di-fred-la-musica-campa-sopra-il-palco-di-sanremo-la-musica-crepa/

Venerdì 6 aprile  – GALONI @ Officine Corsare – h.22 – ingresso libero 

Greenwich è il disco d’esordio del cantautore Galoni, nome d’arte di Emanuele Galoni, classe 1981. Undici tracce folk, undici storie interinali, undici scorci tra intimismo e consapevolezza sociale. Un album che mette al centro la condizione del precario, ma precario non solo dal punto di vista lavorativo, ma anche nei sentimenti, nei rapporti col mondo che cambia.

https://www.facebook.com/pages/gaLoni/174524309265113

Sabato 14 aprile – INERVI + LETTERA 22 @ Officine Corsare – h.22 – ingresso libero

Inervi si formano a Bologna nel 2009 ispirato da molteplici generi, il progetto Inervi ha l’intenzione di creare un “luogo musicale” compreso tra il Signor G. e i Clash, Rino Gaetano e Bob Dylan, Carosone e Bob Marley, con una ricerca maniacale sia per i testi (in italiano) che per le musiche. L’odio è assoluto nei confronti della tradizione intesa come canzone d’amore-dolore-cuore, il disprezzo è totale per le cover/tribute-band. Il tentativo è quello di riappropriarci della capacità che ha la musica di trasferire, con la minima dispersione emotiva, un concetto o un’emozione, da una testa all’altra.

http://www.inervi.com

Lettera 22 formi una band nell’estate del 2010 e la chiami come una notissima macchina da scrivere. Con essa redigi il tuo diario di bordo mescolando rabbia giovanile, pop senza zuccheri, la scapigliatura, bigliettini di carta, rigurgiti new wave, i sanpietrini della tua città, partenze, binari e i contorni delle cose. A condurre questa terapia di gruppo, quattro individui con niente in tasca e molte storie da raccontare.

http://www.facebook.com/Lettera22

Venerdì 20 aprile > FREI + ILARIA ALLEGRI @ Officine Corsare – h.22 – ingresso libero

Frei nasce nel ‘79 a Bagno di Romagna. Sulle tracce della volpe è un disco di canzoni italiane che nascono da suggestioni quotidiane, frammenti emotivi di vita tradotti in visioni pop.  11 tracce intense e piene di vigore, essenziali, energiche e fresche che cantano di sensazioni che sono di tutti: il bello dei gesti comuni, della follia che fiorisce dentro noi. Batterie, riprese in maniere diverse, sincronizzate e incrociate si compongono in ramificazioni ritmiche stereofoniche e con chitarre elettriche e acustiche, banjo, basso, pianoforte, sax, trombone e tastiere si stratificano a formare un’amalgama unica di armonia e ritmo con la voce di Frei. Una voce ruvida ma romantica, rude perché punk e impetuosa, ma intensa e diretta.

http://www.facebook.com/pages/FREI/156705094398541

Ilaria Allegri è una cantautrice torinese, studia canto lirico e pianoforte poi si dedica totalmente all’attività live. E’ corista di Eugenio Finardi ne Un uomo tour 2008 ed è anche corista per il programma per bambini Trebisonda, in onda su Raitre nel periodo 2009/2010. Da un paio d’anni si dedica alla scrittura di brani ironici e divertenti ispirati a incontri e conoscenze personali di ogni tipo. Partecipa a diversi concorsi e nel 2011 vince il primo premio del concorso per cantautori Note Nuove. Attualmente oltre a comporre musica è la leader della band Re-Beat con il quale propone i famosi brani della beat generation. Sa di non aver ancora fatto abbastanza ma è pronta a rimediare!

>>> EVENTO SPECIALE <<<

Sabato 21 aprile @ Blah Blah – ingresso libero – h.22

A due mesi dalla chiusura del festival Sotto il cielo di Fred, l’Associazione F.E.A., in collaborazione con il Blah Blah, torna a dedicare agli iscritti del Premio Buscaglione una serata riservata a due dei semifinalisti di questa seconda edizione: Andrea Cola e i Venus in Furs. 

Andrea Cola

http://www.andreacola.it/

Datemi una chitarra e vi dirò chi sono. Niente fronzoli, tanta sostanza. Lo straniamento della provincia nei confronti dei convulsi meccanismi della grande città, gli urlatori italici dei Sessanta nei loro momenti più cupi uniti ad un retrogusto brit pop da stadio che recupera una dimensione intimista nelle cantine lombarde. La ripetitività ossessiva degli accordi di Andrea Cola, pur non aggirando ancora pienamente il pericolo di monotonia all’ascolto prolungato, vuol forse toccare sinapsi psichedeliche. Se ci lascia trasportare, addentrandosi nei suoi racconti neorealisti tra Ciampi e Gaetano, si rischia di rimanere davvero conquistati. Far di semplicità virtù, con intensità inaudita. Dicesi pop autoriale, ma lo spirito è rock’n’roll al 100%.

http://www.youtube.com/watch?v=PWjskKrIGqU&feature=related

Venus in Furs

http://www.venusinfurs.it/

Crepe sul muro sonico di casa Velvet Underground, che si frantuma sotto picconate hard rock dalle molteplici sfaccettature: il blues dinamitardo dei Bud Spencer Blues Explosion, gli schiaffi noise dei primi Marlene Kuntz, il lirismo beffardo degli Afterhours dei Novanta. Una secchiata di acqua gelida in piena faccia. Da Pisa con furore, con qualche sosta al Circo Zen e un’attitudine live da tachicardia: “Siamo pur sempre animali”, da palcoscenico.

http://www.youtube.com/watch?v=xYoc0cche4c