Torna domani sera al Circolo degli Artisti uno dei cantautori più interessati del panorama culturale italiano: Bobo Rondelli. Quasi vent’anni di attività alle spalle, gli esordi in una cover band per poi creare un gruppo, gli Ottavo Padiglione, ispirato al nome del reparto di psichiatria all’ospedale civile della sua amata Livorno. In questi anni Bobo Rondelli riesce a dare ampio spazio alla sua creatività, esaltando, nei testi ironici, l’amore e la passione per la Toscana. È proprio di questo periodo il singolo “Ho picchiato la testa” che ottiene un grande successo commerciale, arrivando a vendere oltre 30000 copie. La carriera degli Ottavo Padiglione va avanti ancora fino al 2000, con la pubblicazione di altri dischi, fino alla decisione di sciogliere il gruppo e proseguire con la carriera solista. Esco nel 2001 il disco “Disperati, intellettuali, Ubriaconi”, prodotto da Stefano Bollani, che raccoglie gli elogi della critica, tanto da conquistare il Premio Ciampi per gli arrangiamenti. Poi anni di silenzio, dedicati alla scrittura di colonne sonore per film, fino all’uscita di “Per l’amor del cielo” nel 2009. Un album importante, caratterizzato da riflessioni sulla vita, con un taglio intimistico e profondo. Ma il talento di Bobo Rondelli si trasferisce anche nella recitazione, grazie al lungometraggio di Paolo Virzì “L’uomo che aveva picchiato la testa”, dedicato alla carriera artistica degli Ottavo Padiglione, sullo sfondo di un’affascinante Livorno.

www.myspace.com/robertorondelli


Bobo Rondelli@Circolo degli Artisti

Mercoledì 9 Febbraio 2011

Ore 21,30

www.circoloartisti.it

Annunci