Arriva domani sera all’Auditorium Parco della Musica di Roma, per un concerto unico ed esclusivo, Andrew Bird, eclettico polistrumentista e cantautore americano. Nella sua unica data italiana, realizzata all’interno della rassegna “La voce” dedicata ai migliori vocalist provenienti da diversi background culturali, il musicista presenterà “Noble Beast” il suo ultimo acclamato lavoro, segnalato da critica e pubblico come uno dei più interessanti dischi dell’anno. Nato a Chicago nel luglio del 1973, Bird ha iniziato sin da piccolo a suonare tanti diversi strumenti, appassionandosi soprattutto al violino, con una formazione classica che si è pian piano mischiata ad un talento innato, facendo di lui uno dei cantautori più cervellotici ed intriganti della sua generazione. Cresciuto ascoltando jazz, musica indiana e bluegrass, esordisce nel 1996 con “Music of Hair”, dove mette in mostra le sue doti di violinista e la formazione accademica, che andrà pian piano trasformandosi nei dieci album successivi. Nella sua carriera ha collaborato con artisti di spicco della scena musicale internazionale, da Jeff Tweedy ad Ani Di Franco, da Glenn Kotche a Rufus Wainwright e Bonnie Billy, imponendosi con uno stile raffinato ed originale. Nei suoi lavori Andrew spazia dal folk rock allo swing e dall’elettronica all’indie, creando una miscela musicale unica. Nell’ultimo album “Noble Beast”, anticipato dal singolo “Oh, no!”, Bird suona il violino, la chitarra e canta, proponendo un ritorno alle atmosfere folk-pop che avevano caratterizzato la produzione di Andrew Bird & The Mysterious Production of Eggs, insieme al collaboratore di sempre Martin Dosh (alle percussioni e alle tastiere), a Jeremy Ylvisaker (chitarra, basso e organo), Mike Lewis e altri nuovi musicisti, tra cui Kelly Hogan e Todd Sickafoose.  In questo disco viene messa da parte tutta l’attenzione per l’elettronica del precedente lavoro “Armchair Apocrypta”, che lo aveva fatto conoscere anche ad un pubblico più generalista, ma resta vivo il gusto per l’eclettismo e l’originalità.

Andrew Bird

Martedì 19 Ottobre 2010

Auditorium Parco della Musica

Sala Petrassi, ore 21

www.auditorium.com