Vegetable G_CalvinoLunedì lo potrete trovare in tutti i negozi, ma noi abbiamo incontrato i Vegetable G in anteprima per parlare di Calvino, il loro ultimo lavoro, mentre si preparano ad un lungo tour che li porterà in giro per l’Italia e a dicembre a Roma. Un disco pop nel senso più pieno e vero del termine, con echi anni 80 e ritornelli giocosi, naturale evoluzione di quel Genealogy che avevano conosciuto ed apprezzato due anni fa. Ecco cosa ci hanno raccontato Giorgio Spada (voce e tastiere) e Luciano D’Arienzo (basso e chitarre).

Una delle caratteristiche dei gruppi indipendenti sembra essere la scelta di nomi particolari ed originali.. Qual è il significato di Vegetable G?

Giorgio: Altra caratteristica dei gruppi indipendenti è “dimenticarsi del motivo per cui si è scelto un nome così difficile da pronunciare!” (ride) Per questo motivo andiamo avanti e vediamo cosa possiamo fare per dargli una sorta di evoluzione darwiniana.. Che sia quasi inavvertibile come “da scimmia a uomo”, per intenderci.

Vi abbiamo conosciuto due anni fa con l’album Genealogy, in cui vi interrogavate sull’origine dell’universo. A quale conclusione siete giunti?

Luciano: Personalmente concludo col dire che tutto è nato con THE UNIVERSAL dei Blur di sottofondo!!!! Mah, conclusioni no… Però ci vengono in mente certe teorie per l’anno 2012 niente male, niente male davvero!

Sta per uscire nei negozi, il prossimo 12 ottobre, il vostro nuovo lavoro, Calvino. Come mai un omaggio a questo grande scrittore del Novecento?

Luciano: Non credo ci sia sotto un intellettualismo eccessivo… Semplicemente il signor Italo Calvino in un’altra dimensione deve essere stato il miglior amico di Giorgio! Come si fa a non voler bene ad Italo Calvino?!!! Avete mai letto Le cosmicomiche?

La vostra musica riecheggia molto le atmosfere New Wave dei primi anni 80. Quali sono le vostre fonti di ispirazione?

Giorgio: Questo dipende esclusivamente dal fatto che abbiamo una trentina d’anni ciascuno e mentre eravamo a scuola ad imparare a leggere e a scrivere i nostri cugini più grandi mangiavano Joy Division e Jesus and Mary Chain a colazione e alla fine le briciole ci sono cadute addosso direttamente sul cuore!!!

Nell’ultimo album tra le collaborazioni figurano gli A Toys Orchestra. Come nasce questa idea? Con chi vi piacerebbe lavorare in futuro?

Giorgio: La presenza- collaborazione- supervisione di Enzo degli A Toys era quasi necessaria, vista la stima- amicizia che si è creata in questi anni con lui (e gli altri Toys..)… Nessuno più di lui sarebbe potuto entrare così empaticamente nelle atmosfere di Calvino, è stato davvero fondamentale!!! Per il futuro staremmo pensando a Franco Battiato!!!

Avete già in cantiere delle date live? Quali sono le prossime tappe?

Giorgio: Si sta lavorando instancabilmente per fare in modo che Calvino abbia un tour promozionale  adeguato, a breve tutte le date confermate… Per adesso ricordiamo che a Roma saremo il 19 dicembre prossimo!!!!😉

MySpace: www.myspace.com/vegetableg