Anche stanotte ho sognato

Di sfiorare le tue labbra

Con la punta delle mie dita,

Come la nostra prima sera.

Tu ridevi e mi baciavi

Stringendomi al tuo petto.

Ora mi ritrovo di nuovo su quella panchina,

Di nuovo sotto la pioggia,

Mista alle mie lacrime.

Vorrei sapere che tornerai,

Vorrei sapere che sorriderai ancora

Delle mie piccole fragilità.

Stringo le mani in un pugno,

Vorrei catturare ogni emozione,

Per renderla eterna,

Ma tu non sei qui.

Con le mani vuote,

Specchio del mio cuore,

Accolgo ogni piccola goccia di te, di noi,

Di tutti quei momenti

In cui mi sono sentita viva,

In cui il tuo corpo perso nel mio

era così reale.

Annunci