MarteLive_Benvegnù“Non hai sentito questa notte le mani di tuo figlio accarezzare? Non era un sogno, ma è tutto ciò che devi conquistare” con queste parole si apre 500, il nuovo, emozionante ep di Paolo Benvegnù. Cinque brani che fanno trattenere il respiro, che fanno venire la pelle d’oca, venti minuti e poco più di pura emozione. Anche stavolta il cantautore bresciano non delude le aspettative, e con questo lavoro chiude la parte della sua carriera dedicata all’educazione sentimentale. Avevamo parlato di lui in occasione del precedente Le Labbra, a nostro parere uno dei lavori italiani più belli del 2008. Benvegnù torna ora in grande spolvero con questi cinque brani dedicati all’Amore, nel senso più profondo e viscerale del termine. Sulla copertina un pesce combattente che attraversa uno sfondo bianco, animale visto come raffigurazione e metafora di un amore da proteggere e conservare, come fa il rosso esemplare con la sua compagna e con le uova fecondate. Tante le sfaccettature del sentimento che troviamo in questo disco: amore che devi “conquistare e raggiungere” in 500, amore che bisogna avere il coraggio di lasciar andare in Nel Silenzio“Ma io devo ritornare a camminare verso ciò che non so, anche se ieri ti ho sentito respirare in ogni cosa che ho desiderato”–  amore da sognare e sperare in 75 giorni“Vestiti come una sposa nell’alba accecante di rose, tutto è possibile” -, amore da vivere con passione in Marzo 13“Toccami non c’è più tempo, guardami con disincanto e baciami come qualcosa da imparare” -, amore che sopravvive e si trasforma in qualcos’altro in Superstiti, – “Ora un altro giorno che non ci dividerà, luce persa che non ti abbandona, stanotte è il vestito che ci sceglie”. L’appuntamento, secondo noi imperdibile, è quello con il live, martedì 12 maggio all’Alpheus, dove Paolo Benvegnù presenterà 500 accompagnato dalla sua band e da altri artisti italiani, in occasione della terza serata della rassegna multi-artistica MarteLive, dedicata all’indie rock d’autore.